La filosofia Montessori vede il bambino come un essere con grande potenzialità e molte abilità, il compito dell’adulto è quello di fare in modo che si senta in grado di tirarle fuori, acquistando autonomia e fiducia in sé stesso.

Gli ambienti per bambini Montessori sono progettati per incoraggiarli ad essere indipendenti e muoversi liberi nello spazio che li circonda, anche un piccolo cambiamento in una stanza può avere un forte impatto sul loro comportamento.

Che il tuo bambino sia o meno in una scuola Montessori, è possibile organizzare i giochi in casa seguendo questo metodo, bastano piccoli cambiamenti per trasformare il suo momento di gioco.

Crea un ambiente minimal a misura bambino

Maria Montessori sosteneva che bisogna creare un ambiente in cui il bambino è in grado di muoversi autonomamente e utilizzare da solo i vari oggetti presenti al suo interno, tutto deve essere a misura di bambino.

La sua cameretta deve avere l’essenziale, una piccola panchetta, un cassettone con cassetti, oggetti di uso comune, un piccolo letto in cui dormire e una coperta che può piegare e stendere da solo. È importante fornire un ambiente in cui il bambino può lavorare e giocare e fare tutto da solo con le sue mani, evitando di riempire gli spazi con tanti oggetti inutili e superflui.

Dare un posto ad ogni cosa

Gli ambienti Montessori supportano il desiderio e la necessità di ordine, dando un posto specifico a ogni cosa. Non ci sono grandi contenitori pieni di giocattoli, ogni gioco ha un suo spazio su uno scaffale, alcuni composti da più pezzi, come puzzle, blocchi o animaletti da gioco, vengono spesso organizzati in piccoli cestini oppure su vassoi riposti in posizione specifiche.

Questo metodo rende più soddisfacente riporre i giochi dopo averli utilizzati, poiché ogni cosa viene collocata al posto che gli appartiene, il bambino si sentirà più soddisfatto del lavoro fatto, piuttosto che buttare tutto in modo confusionario in un’unica grande cesta.

Pensare in basso

Tutti i mobili devono essere a misura di bambino, i materiali e i giochi devono essere tenuti su scaffali bassi, in modo che il piccolo possa prenderli da solo.

L’ideale è anche posizionare un tavolo e una sedia a misura, in modo che possa sedersi e fare giochi come i puzzle e le costruzioni, come alternativa al pavimento.

Rendere bello l’ambiente

Molte stanze per bambini sono piene di fotografie e opere d’arte ma a un’altezza che non gli permettono di vederle; negli spazi Montessori le opere d’arte sono a livello del bambino, in modo che possa ammirare e apprendere dalle immagini.

Per i bambini più piccoli sono ideali delle semplici immagini in bianco e nero, mentre per quelli più grandi, si possono scegliere immagini che raffigurano la natura, foto di famiglia, opere d’arte realizzate da loro, mappe interessanti e anche opere famose.

Scegliere accuratamente i giocattoli

Solitamente si tende a riempire la casa e la stanza del bambino di tantissimi giocattoli, ma se vuoi organizzare i giochi seguendo il metodo Montessori, dovrai fare delle scelte, optando per quelle varietà di giocattoli che aiutano il bambino a svilupparsi in vari modi.

Sono da includere giocattoli che aiutano lo sviluppo motorio, ma anche arte, musica, libri e costruzioni a blocchi per il gioco creativo; è anche importante sceglierli in base ai vari livelli di difficoltà, in modo che il bambino possa impegnarsi di più in alcuni momenti, come nel caso dei puzzle con più pezzi rispetto a quelli che è abituato a fare, per poi riposarsi mentalmente, giocando con qualcosa di più semplice e familiare.

Col metodo Montessori, solitamente si cercano anche giocattoli ideati per l’impegno e non solo per l’intrattenimento, escludendo quelli che emettono rumori e si illuminano, e preferendo giocattoli realizzati con materiali naturali come il legno e il metallo, per offrire al piccolo un’esperienza di gioco più reale possibile.