Imparare a leggere è senz’altro tra le priorità di tutti genitori per i loro figli. Spesso si chiedono se il bambino sarà in grado d’imparare o se avrà delle difficoltà. In quest’ambito, la Dott.ssa Maria Montessori ha sviluppato un metodo molto efficace per introdurre i bambini al riconoscimento visivo e fonetico delle lettere. Si tratta delle lettere smerigliate Montessori.

Nel metodo Montessori, la percezione sensoriale dei materiali è molto importante. Imparare a riconoscere i suoni delle vocali e delle consonanti usando le lettere smerigliate è quindi un ottimo modo per introdurre il bambino alla lettura e alla scrittura sotto forma di gioco educativo. Le lettere smerigliate Montessori sono in effetti dei semplici rettangoli di compensato con attaccata al centro una lettera, accuratamente ritagliata partendo da un pezzo di carta vetrata, materiale che stimola il senso del tatto.

Perché utilizzare le lettere smerigliate Montessori

Utilizzare questo metodo consente al bambino di “esplorare” le lettere, registrando la loro forma nella sua mente mentre la tocca con le dita. Così facendo, il bambino entra in contatto con le lettere attraverso tre sensazioni contemporaneamente:

  • sensazione visiva, in quanto la lettera è un oggetto ben visibile;
  • sensazione tattile, mentre il dito percorre la forma della lettera, il movimento si fissa nella memoria muscolare;
  • sensazione uditiva, dato che il suono della lettera viene pronunciato isolatamente, con chiarezza.

Come presentare le lettere smerigliate Montessori al bambino

Sarebbe opportuno iniziare a utilizzare le lettere smerigliate Montessori quando il bambino conosce già qualche suono. Quando si mostrano le lettere smerigliate Montessori il bambino dovrebbe sedersi ad un tavolino, sul quale non dovranno esserci altri oggetti che potrebbero distrarlo. Si inizia dalle  vocali per poi procedere alle consonanti, che avranno anche due colori diversi. Quando si passa alle consonanti, si dovrebbe pronunciarle prima con il loro suono puro per poi associarle a delle vocali.

Per presentare le lettere smerigliare al bambino si possono seguire tre fasi, o tre tempi. Descriviamole una alla volta.

  • Primo tempo – Sensazione visiva e tattile-muscolare: si presenta al bambino il cartoncino con la lettera e gli si pronuncia il suono. Subito dopo si chiede al bambino di toccarla. La prima volta potremmo aiutarlo facendogli seguire con le dita il tracciato della lettera nel verso in cui si scrive;
  • Secondo tempo – Percezione: in questa successiva fase si aiuta il bambino a riconoscere le figure. Gli si chiede di darci la lettera che gli pronunciamo. Nel caso in cui il bambino non riesca a riconoscere il segno, si può ripetere il suono della lettera ignorando il suo errore.  
  • Terzo tempo – Linguaggio: in quest’ultima fase, sarà il bambino stesso a pronunciare i suoni delle lettere. Si possono lasciare in mostra sul tavolo per un momento per poi chiedere al bambino di pronunciare il suono della lettera che gli indichiamo. Anche in questo caso gli errori non vanno accentuati, ma ignorati. Se il bambino è incerto si può iniziare di nuovo dal primo tempo, magari un altro giorno. Il bambino deve percepire tranquillità dall’inizio alla fine del “gioco”.

Passare dal linguaggio alla scrittura

Molti genitori decidono di far passare il bambino alla fase successiva, cioè la scrittura delle lettere, senza passarli direttamente al foglio e alla penna, una postura ancora innaturale per il bambino.  Per consentirgli d’imparare a scrivere le lettere, quindi, decidono di provare a introdurre al bambino una scatola con i bordi bassi riempita per un paio di centimetri con della sabbia.

Offerta
Le mie lettere. Montessori. 26 carte con lettere smerigliate...
  • Marie-Hélène Place
  • Editore: L'Ippocampo Ragazzi
  • Copertina flessibile: 56 pagine

Questa “lavagna” di sabbia consente al bambino di provare a riprodurre la lettera solo utilizzando le dita, senz’altro una posizione più naturale e facile per lui rispetto all’uso di una penna. Così facendo, il bambino può imparare ad esprimersi con la scrittura, anche se non viene fatto canonicamente su carta. Tenendo conto che il bambino si trova ancora in età prescolare, questo metodo gli consentirebbe d’imparare facilmente a scrivere e sarà molto più preparato al momento di dover usare una penna in quanto saprà già riconoscere la forma delle lettere e dovrà quindi solo concentrarsi sull’imparare a impugnare la penna.